sigaretta elettronica

IL TAR HA ANNULLATO LA TASSA DEL 2013 SULLE SIGARETTE ELETTRONICHE

Il primo atto della lunga battaglia tra le associazioni del fumo elettronico e il governo italiano si è concluso durante la giornata di ieri, 2 Dicembre 2015, con il completo annullamento del provvedimento con il quale, a partire dal 1 Gennaio 2014, era stata introdotta una tassazione del 58,5% su tutti i dispositivi adibiti al fumo digitale, liquidi e hardware compresi.

La sentenza è arrivata in seguito ad una serie di avvenimenti che non potevano non anticiparne l’esito. L’incostituzionalità sancita dalla Corte Costituzionale, ad esempio, ed anche la sospensione del pagamento dell’imposta sui liquidi senza nicotina che, sebbene non direttamente collegata all’imposta del 2013, non può non aver condizionato la decisione finale dei giudici amministrativi del Lazio.

Sigarette elettroniche: commercianti protestano alla Camera

L’annullamento della “vecchia” tassazione non avrà alcun effetto sul panorama italiano dal momento che, come ben sappiamo, nel nostro paese vige attualmente un altro balzello, anch’esso al vaglio del TAR.

Nei prossimi giorni arriverà la sentenza del tribunale regionale anche sull’imposta varata a fine 2014 e resa ufficialmente attiva a Gennaio 2015. I presupposti sembrano essere abbastanza favorevoli e nell’aria si respira un cauto ottimismo da parte degli esperti del settore. Staremo a vedere se in un solo mese il TAR finirà per annullare ben due disposizioni governative.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *